Sette racconti per anime sensibili

copertina Venite, vi porto di là

Sette racconti per anime sensibili

di MARIA AMATA DI LORENZO

 

Lo sai? C’era una cosa che facevo sempre da bambina, ricordo che avevo non più di 4-5 anni, non sapevo ancora leggere né scrivere, ma mi piaceva, mi piaceva immensamente prendere un gessetto bianco e mettermi seduta sul marciapiede davanti casa.

Cosa facevo? Scrivevo, dicevo io. Non conoscevo ancora nessuna lettera dell’alfabeto a quell’età, perciò il mio “scrivere” era semplicemente un insieme di scarabocchi che facevo con il gesso bianco sul grigioscuro del marciapiede. Scrivevo.

Forse c’era già in questo piccolo gesto, in questo gioco della mia prima infanzia, l’attitudine alla scrittura degli anni futuri, che si sarebbe riversata negli articoli, nelle poesie, nei racconti, nei testi teatrali. Parole ed emozioni da affidare alla penna. Da regalare al mondo.

Come ora. Perché il dono della scrittura non è qualcosa che io possa tenere per me, in esclusiva, come un tesoro geloso. No, è un dono da condividere, di cui fare partecipi gli altri, che possono riflettere, emozionarsi, riconoscersi in certe storie, situazioni o sentimenti. Per questo scrivo. Per questo pubblico i miei libri

Come ora.

Ecco, dunque, il grande giorno è arrivato!

Per me è una gioia oggi poter condividere con te questa bella novità. Questo nuovo libro, che segna il mio ritorno alla narrativa (dopo un bel numero di anni trascorsi a fare altro).

Sono contenta di ritornare alla scrittura e alla pubblicazione e ti presento:

VENITE, VI PORTO DI LÀ
Sette racconti per anime sensibili

Di’, ci sei anche tu fra queste anime sensibili?

Io penso proprio di sì, e per questo ho preparato per te questo regalo, questa anteprima gratuita.

È un piccolo assaggio del libro. Il volume intero, che contiene tutti i racconti, lo prendi su Amazon al prezzo di lancio di 4 euro e 49 cent.

Esce solo in edizione digitale ed è facile da scaricare sul tuo pc, oppure sul tablet o smartphone (se non hai il kindle). Per leggerlo infatti il kindle non è necessario, si può fare su qualsiasi dispositivo.

E quando lo avrai letto (perché lo leggerai, non è vero?), prendi carta e penna, anzi mouse e tastiera, e dimmi cosa ne pensi. Per me la tua opinione conta tanto!

Un libro che cos’è?

È come un figlio che mandi nel mondo, e speri che anche gli altri gli vogliano bene.
Questo libro è una parte di me, in gran parte autobiografico, e perciò è un pezzo del mio cuore, della mia vita.

Te lo affido con cura e con amore.

Quando creo qualcosa di nuovo penso sempre a te che mi leggi, e perciò ti ringrazio per la fiducia, l’attenzione e il sostegno.

Clicca qui per il download da Amazon.

Un abbraccio di cuore, non virtuale.

La tua amica,

 

 

P.S.: scarica qui di seguito l’estratto gratuito del libro, è un bel pdf illustrato a colori che ti farà entrare nell’atmosfera dei sette racconti.

 

Compila il form qui sotto

e con l’iscrizione alle Lettere di Amata

riceverai l’ANTEPRIMA GRATUITA

del nuovo libro:

*

 

**


CHI SONO

Scrittrice, counselor e insegnante di creatività, le mie passioni fin da bambina sono la psicologia e le stelle e i misteri racchiusi nell’aldilà.

Autrice di testi teatrali e radiofonici e di libri sino ad oggi editi in otto lingue, ho lavorato per più di vent’anni come giornalista e come autrice e consulente editoriale, e ho diretto corsi di scrittura creativa. Contemporaneamente ho studiato per divenire una professionista della relazione d’aiuto, specializzandomi in counseling umanistico esistenziale, terapie naturali, formazione e life coaching a indirizzo psicobiologico. Aiuto le persone “ad aiutarsi” e per questo mi considero una coltivatrice di esistenze felici.

Aiuto infatti le persone a scoprire e a mettere in pratica il loro potenziale creativo e la saggezza interiore per la loro crescita personale e il benessere, la guarigione e l’autorealizzazione. Se desideri una consulenza con me puoi scrivere a: dottoressa.amata@gmail.com


 

 

**

La scrittura come medicina

scrittura come medicina

La scrittura come medicina

di MARIA AMATA DI LORENZO

 

Da diversi anni a questa parte ricevo frequentemente delle richieste di questo tipo: che cosa si deve fare per pubblicare un libro?

Me lo chiedono assai spesso delle persone che non hanno nulla a che fare col mestiere di scrivere e col mondo editoriale. E se io domando a ciascuno di loro: perché vuoi farlo? perché vuoi pubblicare il tuo libro? La risposta invariabilmente è: perché voglio raccontare la mia vita, mi sono successe tante cose, difficili, dolorose, incredibili, e voglio dirle attraverso un libro.

Comprendo perfettamente questo tipo di molla interiore che muove un simile desiderio, però il concetto di fondo è sbagliato.

Si scrive innanzitutto per sé, non in vista di una pubblicazione. Non si decide a tavolino di diventare uno scrittore, una scrittrice: si è posseduti dalla scrittura, non il contrario.

E c’è una cosa ancora più importante: la scrittura ha una funzione terapeutica, è una catarsi, si libera il cuore, la mente, si riflette sul proprio passato e lo si comprende, dopo aver scritto ci si sente più leggeri, felici come dopo una corsa a perdifiato sulla sabbia bagnata del mare…

È una cosa che perciò consiglio a tutti quanti, a te per primo che mi stai leggendo: prendi un quaderno e una penna e comincia.

È meglio scrivere a mano piuttosto che al computer perché il pensiero sulla carta fluisce lentamente, con più nitidezza e profondità.

Lo faccio anche io, tutti i giorni, e le cose che scrivo le tengo per me, mica le faccio leggere agli editori, esse sono soltanto mie, sono cose che mi aiutano a vivere e a capire la vita con i suoi misteri e le sue complessità.

La scrittura, infatti, opera a un livello molto profondo di chiarificazione interiore. È una medicina molto efficace per il nostro spirito.

 

 

Come scrivo in questo post, mettere sulla carta i propri pensieri e le proprie emozioni dà una grande soddisfazione, un appagamento di tipo interiore, molto intimo, che resta a lungo nelle profondità del nostro cuore.

Poi a volte succede, come nel mio caso, di voler condividere con gli altri quanto si è scritto ed allora nascono i libri che vengono dati alle stampe. Come la mia ultima opera, che fra qualche giorno uscirà in tutte le librerie Amazon. È un libro di racconti: Venite, vi porto di là. Il sottotitolo dice che sono “sette racconti per anime sensibili”.

Ci sei anche tu fra queste anime sensibili?

Allora prenota l’anteprima gratuita del libro.

Un ebook illustrato a colori (in formato pdf) arriverà nella tua casella di posta come mio regalo del cuore per te.

 

Compila il form qui sotto

e con l’iscrizione alle Lettere di Amata

riceverai l’ANTEPRIMA GRATUITA

del nuovo libro:

*

 

**


CHI SONO

Scrittrice, counselor e insegnante di creatività, le mie passioni fin da bambina sono la psicologia e le stelle e i misteri racchiusi nell’aldilà.

Autrice di testi teatrali e radiofonici e di libri sino ad oggi editi in otto lingue, ho lavorato per più di vent’anni come giornalista e come autrice e consulente editoriale, e ho diretto corsi di scrittura creativa. Contemporaneamente ho studiato per divenire una professionista della relazione d’aiuto, specializzandomi in counseling umanistico esistenziale, terapie naturali, formazione e life coaching a indirizzo psicobiologico. Aiuto le persone “ad aiutarsi” e per questo mi considero una coltivatrice di esistenze felici.

Aiuto infatti le persone a scoprire e a mettere in pratica il loro potenziale creativo e la saggezza interiore per la loro crescita personale e il benessere, la guarigione e l’autorealizzazione. Se desideri una consulenza con me puoi scrivere a: dottoressa.amata@gmail.com


 

 

**

Scrivere per stare meglio

scrivere per stare meglio

Scrivere per stare meglio

di MARIA AMATA DI LORENZO

 

La scrittura  è sempre stata per me un modo di conoscermi, ed anche un modo di prendermi cura di me stessa.

Qualcosa di vitale, come mangiare e come respirare, che non ha nulla a che vedere con la pubblicazione.

Pubblicare e scrivere, infatti, sono due cose molto differenti.

La seconda, scrivere, dà in definitiva molta più soddisfazione della prima, è una soddisfazione di tipo interiore, molto intima, che rimane e che appaga molto di più che vedere una pila dei propri libri in bella mostra nelle librerie. Questa infatti è una soddisfazione di breve respiro, che dura solo un attimo e poi passa. La scrittura, invece, è qualcosa che resta.

Molte persone che conosco, le quali vorrebbero scrivere ma non lo fanno, il più delle volte per mancanza di tempo, dicono che ritagliarsi un momento per scrivere è una specie di miraggio, una cosa quasi impossibile, considerata la loro fitta agenda di impegni.

Sembra a conti fatti un lusso, che non tutti possono permettersi nel turbinio della vita moderna. Ma ne siamo sicuri?

E se scrivere invece non fosse un lusso ma una necessità?

Se invece fosse un modo semplice, eloquente, persino necessario per raggiungere la pienezza emotiva, spirituale e psichica? Per sintetizzare pensieri e sentimenti, e capire come essi agiscano sugli eventi della nostra vita e viceversa?

Se scrivere fosse invece una funzione umana importante e servisse a mantenere e a migliorare la nostra salute psichica e fisica, allo stesso modo in cui lo fanno il cibo sano, l’aria pulita, il sonno, l’esercizio fisico e tutte le altre pratiche di benessere spirituale?

 

“Uscire dalla fossa”

La scrittrice americana Alice Walker, autrice del famoso romanzo Il colore viola (da cui alcuni anni fa è stato tratto un film di grande successo), ha detto che scrivere è “una questione di necessità, e che si scriva per salvare la propria vita è la pura verità; finora per me la scrittura è stata una scala davvero salda per uscire dalla fossa”.

Immagine molto forte, questa della “fossa”, però rende assai bene l’idea. È una metafora potente. Vuol dire che se c’è una fossa, c’è anche una “scala” che rappresenta una via di uscita, sicura e affidabile: questa scala è la scrittura. Noi dobbiamo usarla per raggiungere la libertà e la salvezza.

Scriviamo allora per fare luce dentro di noi, per imparare a stare meglio. Ne trarremo un gran beneficio, te lo assicuro.

Come ho già scritto in questo post, noi scriviamo per sapere che non siamo soli. Scriviamo per comunicare qualcosa. Qualcosa che gli altri possano condividere. Scrivere allora è, in questo senso, necessario.

Lo è sempre stato per me, te lo confesso, e lo sarà sempre.

Ed oggi ho la gioia di condividere con te questa piccola anticipazione: fra una settimana uscirà il mio nuovo libro: Venite, vi porto di là.

È un libro di racconti. Sono “sette racconti per anime sensibili“.

Ci sei anche tu fra queste anime sensibili?

Allora prenota l’anteprima gratuita del libro.

Un ebook illustrato a colori (in formato pdf) arriverà nella tua casella di posta come mio regalo del cuore per te.

 

Compila il form qui sotto

e con l’iscrizione alle Lettere di Amata

riceverai l’ANTEPRIMA GRATUITA

del nuovo libro:

*

 

**


CHI SONO

Scrittrice, counselor e insegnante di creatività, le mie passioni fin da bambina sono la psicologia e le stelle e i misteri racchiusi nell’aldilà.

Autrice di testi teatrali e radiofonici e di libri sino ad oggi editi in otto lingue, ho lavorato per più di vent’anni come giornalista e come autrice e consulente editoriale, e ho diretto corsi di scrittura creativa. Contemporaneamente ho studiato per divenire una professionista della relazione d’aiuto, specializzandomi in counseling umanistico esistenziale, terapie naturali, formazione e life coaching a indirizzo psicobiologico. Aiuto le persone “ad aiutarsi” e per questo mi considero una coltivatrice di esistenze felici.

Aiuto infatti le persone a scoprire e a mettere in pratica il loro potenziale creativo e la saggezza interiore per la loro crescita personale e il benessere, la guarigione e l’autorealizzazione. Se desideri una consulenza con me puoi scrivere a: dottoressa.amata@gmail.com


 

 

**

Perché scriviamo? Per sapere che non siamo soli

perché scriviamo

Perché scriviamo? Per sapere che non siamo soli

di MARIA AMATA DI LORENZO

 

Il grande scrittore di lingua inglese Clive S. Lewis diceva: “Leggiamo per sapere che non siamo soli“.

Ma io aggiungo che noi scriviamo per il medesimo motivo. Scriviamo per sapere che non siamo soli.

Scriviamo per comunicare qualcosa che da personale può assurgere a valore universale se trova negli altri un terreno condiviso.

Così come leggere non è un lusso ma una necessità, scrivere è la stessa cosa, è una necessità esistenziale, anche se non si diventerà mai degli scrittori a tempo pieno, se nella vita si prenderanno altre strade, se si farà un altro mestiere.

Quante volte magari ti è capitato questo: ti sei sentito arrabbiato o triste e allora per sfogarti hai preso carta e penna, scrivendo di getto tutto quello che provavi, e poi alla fine hai sentito come un senso di leggerezza, come se ti fossi liberato di un peso…

Tutto questo è meraviglioso, non ti pare? Ma avviene perché la scrittura nasce dalla nostra interiorità.

L’aspetto più importante della scrittura è proprio questo: scrivere può aiutarci a guarire le ferite del cuore.

Ma cosa c’è prima della scrittura?

Prima della scrittura c’è l’ascolto, lo sguardo, il pensiero. Bisogna allenarsi a queste tre cose, praticamente ogni giorno, come farebbe un atleta.

Che significa?

Significa che ogni giorno bisogna prestare attenzione al mondo che ci circonda, farne oggetto della nostra osservazione, prima, e della nostra riflessione, poi.

La scrittura non nasce nel momento in cui ti siedi a un tavolo e accendi il computer. La scrittura nasce prima, nella trama di ogni giorno, nelle ore trascorse a fare altro, magari il tuo lavoro, o i mestieri di casa, il tempo passato – ma non perso – ad accudire i tuoi familiari, a fare la spesa al supermercato, a passeggiare in un viale, a chiacchierare con un’amica che non vedevi da molto tempo.

Quindi, da oggi in poi, se non l’hai fatto mai oppure l’hai fatto in maniera discontinua, senza pensarci troppo, abituati a sviluppare attenzione verso il mondo che ti sta intorno.

Osservare, ascoltare, e poi annotare: pensieri e riflessioni. Come? Su un taccuino che ti abituerai ad avere sempre con te, scrivendo a mano, perché il pensiero sulla carta fluisce più lentamente ed è in grado di andare più in profondità rispetto alla velocità, pur comoda, di una tastiera di pc.

La prima cosa che dovrai fare, dunque, è proprio di sviluppare questa particolare attitudine.

All’inizio dovrai prestarci un po’ di attenzione, poi invece ti diventerà familiare – come inspirare ed espirare – e sarà la condizione essenziale perché tu possa aprirti al processo creativo della scrittura.

L’ho detto: noi scriviamo per sapere che non siamo soli. Scriviamo per comunicare qualcosa. Qualcosa che gli altri possano condividere.

Scrivere allora è, in un certo senso, necessario. Per me lo è sempre stato, sicuramente. E nel corso degli anni ne acquisto consapevolezza ogni giorno di più.

Ed oggi ho la gioia di condividere con te questa piccola anticipazione: fra qualche settimana uscirà il mio nuovo libro: Venite, vi porto di là.

È un libro di racconti. Sono “sette racconti per anime sensibili“.

Ci sei anche tu fra queste anime sensibili?

Allora prenota l’anteprima gratuita del libro.

Un ebook illustrato a colori (in formato pdf) arriverà nella tua casella di posta come mio regalo del cuore per te.

 

Compila il form qui sotto

e con l’iscrizione alle Lettere di Amata

riceverai l’ANTEPRIMA GRATUITA

del nuovo libro:

*

 

**


CHI SONO

Scrittrice, counselor e insegnante di creatività, le mie passioni fin da bambina sono la psicologia e le stelle e i misteri racchiusi nell’aldilà.

Autrice di testi teatrali e radiofonici e di libri sino ad oggi editi in otto lingue, ho lavorato per più di vent’anni come giornalista e come autrice e consulente editoriale, e ho diretto corsi di scrittura creativa. Contemporaneamente ho studiato per divenire una professionista della relazione d’aiuto, specializzandomi in counseling umanistico esistenziale, terapie naturali, formazione e life coaching a indirizzo psicobiologico. Aiuto le persone “ad aiutarsi” e per questo mi considero una coltivatrice di esistenze felici.

Aiuto infatti le persone a scoprire e a mettere in pratica il loro potenziale creativo e la saggezza interiore per la loro crescita personale e il benessere, la guarigione e l’autorealizzazione. Se desideri una consulenza con me puoi scrivere a: dottoressa.amata@gmail.com


 

 

**