Accogliere in pieno il messaggio della Resurrezione

Vladimir Kush, To the Safe Haven - All Rights Reserved
© Vladimir Kush, To the Safe Haven – All Rights Reserved

 

Accogliere in pieno il messaggio della Resurrezione

di Maria Amata Di Lorenzo

*

In questi giorni più di un miliardo di cristiani nel mondo hanno festeggiato o stanno festeggiando la Pasqua di Resurrezione. La festeggiano e la festeggeranno, perché il tempo pasquale è un tempo in realtà molto lungo, non si esaurisce con Pasqua e Pasquetta, ma dura ben 50 giorni, fino alla Pentecoste.

Che cosa vuol dire risorgere?

È un invito potente che riguarda tutti, anche quelli che non credono. Di certo non è circoscritto solamente a chi professa la fede cristiana, perché in modo laico può coinvolgere ogni persona che si interroghi onestamente su di sé.

È un invito perciò che riguarda tutti, anche quelli che non hanno una fede, o che credono di non averla (perché noi nasciamo tutti, ma proprio tutti, nessuno escluso, con una fede, che è il nostro DNA spirituale).

Dunque, che cosa significa risorgere?

Questo anno, voi lo sapete, numerologicamente è un anno 3. Questo vuol dire che nel 2019 siamo chiamati – ed anche guidati – ad attingere all’energia positiva del numero 3 portando tale luminosa e benefica energia nelle nostre vite.

Il numero 3 rappresenta la Trinità Divina. Il numero 3 è presente in ogni aspetto della nostra esistenza: riguarda il bilanciamento della nostra mente, del nostro corpo e del nostro spirito.

Questo nasce prima di tutto dal conoscersi, dall’avere la consapevolezza di chi si è.

La consapevolezza nasce dallo sguardo, precisamente dallo sguardo interiore.

Guardando in profondità dentro di te, lo sai che cosa accade?

Accade che trovi tutte le risposte che stavi cercando.

E le trovi esplorando quegli aspetti di te stesso che prima d’ora non avevi mai voluto vedere o prendere in considerazione, perché un po’ ne avevi paura.

Chi sei tu veramente, tu che mi stai leggendo in questo istante?

Comincia con l’ascoltare te stesso e dai inizio al processo di guarigione.

Impara a conoscerti “dentro”, ad esprimere e ad ascoltare te stesso. È solo quando ti sintonizzi e vai dentro di te, infatti, che puoi davvero capire quali messaggi ti stanno aspettando.

Tutto ciò di cui hai bisogno è già dentro di te e se ti sintonizzi con te stesso sarai in grado di sbloccare e rilasciare tutto ciò che ti impedisce di sapere chi sei veramente e di accedere alla saggezza innata che vive dentro di te.

Sarai allora incoraggiato a pensare a come riportare l’equilibrio nella tua vita. Ti saranno mostrate le cose in modo così chiaro che potrai comprendere il passato, lasciarlo andare e fare spazio al futuro. Scavando più a fondo nelle tue emozioni in modo da poter dare un senso a ciò che ti inquieta nel profondo.

Se le emozioni emergono ed un po’ ti inquietano non te ne devi preoccupare. Esse infatti devono essere accolte, affrontate e chiarite. Così che potrai ritrovarti in equilibrio e sentirti radicato e centrato nella direzione della tua vita.

Uno degli strumenti più potenti per il rilascio è il perdono.

Quando perdoni te stesso e gli altri, quando ti liberi da qualsiasi colpa o dolore e porti l’accettazione al suo posto, la tua vita entra in un’altra dimensione dove tutto è gioia e pace che viene dal cuore.

Se si manifestano delle emozioni forti e accese come la rabbia, cerca di scavare un po’ più a fondo per vedere se riesci a scoprire l’amarezza che potrebbe celarsi sotto la superficie di questa emozione, scavando potresti trovare la tristezza, una tristezza indicibile, perché la rabbia molto spesso nasce dal dolore inespresso.

Ascolta te stesso allora, e dai inizio al processo di guarigione.

Non avere paura di eliminare quelle cose che non ti servono più, non aver paura di perdonare te stesso. Ed anche gli altri.

È una delle cose più difficili della vita. Ma è anche la più necessaria. Perché è così che avviene la rinascita. La rinascita del tuo cuore.

È così che potrai accogliere in pieno il messaggio della Resurrezione.

 


Dott.ssa Maria Amata Di Lorenzo

Terapeuta e scrittrice, Maria Amata Di Lorenzo attualmente vive e lavora tra Venezia e Rimini, dopo aver a lungo soggiornato a Roma, città del suo cuore e luogo delle sue radici. È una professionista della relazione d’aiuto, con le qualifiche di counselor ad approccio umanistico esistenziale, terapeuta naturale, formatrice e life coach a indirizzo psicobiologico. Ha scritto e pubblicato diversi libri – di narrativa, poesia e saggistica – che sono tradotti e diffusi in otto lingue. 


+