Ricordando il poeta Elio Fiore

*
Cari Amici,
nel 2002 il poeta Elio Fiore ci diceva il suo ‘arrivederci all’eternità’. Sono trascorsi vent’anni ma la sua voce poetica non si è spenta. Vive ancora. Vive nei suoi versi. Vive nella memoria di chi lo ha conosciuto, lo ha apprezzato e gli ha voluto bene.

Oggi vi presento il mio racconto “La tenda verde” che fa parte del mio libro di racconti “Venite, vi porto di là”. Questo racconto parla di ciò che accadde il 19 luglio 1943, il grande bombardamento di Roma, in cui Elio Fiore, bambino di 8 anni, rimase sepolto per dieci ore sotto le macerie insieme alla madre. Un evento che lui non dimenticherà mai e da cui prese corpo a mio avviso la sua natura e la sua essenza di poeta.

«È un racconto bellissimo che raggiunge corde profonde e, come sempre nella scrittura di questa autrice, si eleva a poesia. Ho apprezzato il realismo delle descrizioni e quella tenda verde trasformata in materasso, in guscio accogliente e riparatore ai mali del vivere forse metafora di un futuro migliore…» (Delia Morea)

«Bellissimo tutto il mistero dell’esistenza travasato in un segno. Bellissima l’idea di un oggetto umile che si fa spartiacque tra la vita e la morte, che limita confini, che si erge a soglia e sentinella di un valico. Di un passaggio. Mi commuove questa umiltà delle cose, questo loro parlare segreto, incondizionato, al cuore dell’uomo. Bravissima Maria Amata Di Lorenzo, bravissima per questo sguardo che sa raccogliere voci, che sa catturare segnali e che non altera il destino ma lo adempie…» (Simona Lo Iacono)

👉 Il libro di racconti “Venite, vi porto di là” è su Amazon

CHI SONO

Mi chiamo Maria Amata Di Lorenzo e sono un’autrice di romanzi e di storie per il teatro e il cinema. Ho scritto anche biografie, testi di saggistica e poesie. I miei libri fino a oggi sono stati tradotti in numerose lingue: inglese, francese, portoghese, spagnolo, polacco, turco, ceco e sloveno.

Ho lavorato per più di vent’anni come giornalista e come autrice e consulente editoriale, e ho diretto corsi di scrittura creativa. Laureata in Lettere Moderne, dopo aver studiato presso la Scuola di Giornalismo di Urbino, mi sono specializzata in Marketing e Comunicazione e successivamente ho approfondito il campo della cosiddetta “relazione d’aiuto”, studiando psicologia e counseling, medicina naturale, psicobiologia e psicosomatica, arteterapia e scrittura creativa.

Mi occupo di spiritualità e crescita personale integrale. Per regalare alla tua anima spazi di riflessione e di bellezza ho aperto il mio blog: si chiama “Il posto delle anime sensibili”. Ho aperto questo luogo nel web per costruire ponti di amicizia, e per questo ho voluto creare anche la mia newsletter: ti accompagnerà lungo il cammino – bello e difficile – della vita con piccoli semi di felicità, consigli, novità, riflessioni sempre in punta di penna. Ti iscrivi qui.

Una notte di coprifuoco

*

Avere vent’anni nella Roma occupata dai nazisti. Ernesto, mio padre, una sera si ritrova braccato mentre torna a casa sotto il coprifuoco e una scala “santa” gli salva la vita mentre la camionetta dei tedeschi sta per arrivare in piazza San Giovanni… È la storia che racconto in “Una notte di coprifuoco” nel libro “Venite, vi porto di là – Sette racconti per anime sensibili”. Lo sento molto attuale, per questo ve lo propongo. E oggi è il compleanno di mio padre… tanti auguri in Cielo!

🌷 Di questo racconto hanno detto:

– Luigi La Rosa: “Bellissimo ‘Una notte di coprifuoco’. Si percepisce il senso di strazio di ogni guerra, di ogni uomo-contro-uomo, nell’accanimento bestiale che strappa la dignità e censura ogni emozione. Mi colpisce molto questo senso di gelo che permea il brano, questa distanza tra le cose, le persone, i luoghi. Si sente che c’è dietro un rapporto sincero con il tema trattato…”

– Elvira Siringo: “Con incisività ed eleganza sa trasformare la sofferenza del singolo in sofferenza, composta e dignitosa, dell’umanità intera. In ‘Una notte di coprifuoco’ con efficaci pennellate ci ritroviamo trascinati a partecipare di quella “fame di vivere” così viva e impellente in chiunque si trovi in vero pericolo. Si respira un’atmosfera densa di patemi e di attaccamento struggente alla vita, fino ad approdare oltre la disperazione a un “guscio” d’inaspettata speranza: la “Scala Santa” vuol forse indicarci l’unica salda via di salvezza? Sembra proprio un intervento salvifico, miracoloso. Metafora che ci suggerisce l’unica via d’ascesa, l’unico possibile di riparo, l’unico sicuro rifugio ove attendere fiduciosi che passino i momenti di angosciose intemperie della vita. Ieri come oggi.”

📚 “Venite, vi porto di là. Sette racconti per anime sensibili” è su Amazon (ebook e libro di carta)

👉 leggilo qui: https://www.amazon.it/Venite-porto-l%C3%A0…/dp/B08T7NXM7F/

 

CHI SONO

Mi chiamo Maria Amata Di Lorenzo e sono un’autrice di romanzi e di storie per il teatro e il cinema. Ho scritto anche biografie, testi di saggistica e poesie. I miei libri fino a oggi sono stati tradotti in numerose lingue: inglese, francese, portoghese, spagnolo, polacco, turco, ceco e sloveno.

Ho lavorato per più di vent’anni come giornalista e come autrice e consulente editoriale, e ho diretto corsi di scrittura creativa. Laureata in Lettere Moderne, dopo aver studiato presso la Scuola di Giornalismo di Urbino, mi sono specializzata in Marketing e Comunicazione e successivamente ho approfondito il campo della cosiddetta “relazione d’aiuto”, studiando psicologia e counseling, medicina naturale, psicobiologia e psicosomatica, arteterapia e scrittura creativa.

Mi occupo di spiritualità e crescita personale integrale. Per regalare alla tua anima spazi di riflessione e di bellezza ho aperto il mio blog: si chiama “Il posto delle anime sensibili”. Ho aperto questo luogo nel web per costruire ponti di amicizia, e per questo ho voluto creare anche la mia newsletter: ti accompagnerà lungo il cammino – bello e difficile – della vita con piccoli semi di felicità, consigli, novità, riflessioni sempre in punta di penna. Ti iscrivi qui.

Venite, vi porto di là

Venite, vi porto di là

 

La prossima volta, il fuoco! Eh, certo non si può proprio dire che il Padreterno non sia di parola: come sempre. Solo, solo che qui la sua promessa si è avverata prima che altrove: una promessa da fine del mondo!

Il fuoco in Sicilia piove dal cielo, ogni giorno, trecentosessantacinque giorni l’anno.
Entrate, entrate…non ci fate caso se vi ricevo in penombra, ma è per via del caldo, sapete, dello scirocco.

Ieri, quando mi avete telefonato, non ce l’ho fatta a dirvi di no. È il mio carattere, sapete: non so dire di no a nessuno. Ora però ve lo debbo dire: non posso, non me la sento…Il lavoro che avete in mente di fare, l’intervista, ecco, non la posso fare.

Venite qua, da una povera mamma che ha perso l’unico figlio che aveva, e le chiedete di raccontare alla televisione il suo dramma, il suo dolore. Così, come se niente fosse!
A chi, chi lo dovrei raccontare poi: a cento, mille persone che nemmeno conosco, che stanno davanti alla tv – e intanto mangiano, curiosi come mille scimmie…No, no. Questa mamma non se la sente. Il mio dolore non ha compagni. Il dolore di una mamma merita rispetto, capite?”

🌺🌺🌺

È l’incipit del mio racconto “Venite, vi porto di là“. Fa parte del libro omonimo di racconti, uscito nel 2021.

Una madre siciliana a cui la mafia ha ucciso un figlio, l’unico figlio che aveva, amatissimo. Dei giornalisti venuti “dal nord” per sapere, per capire, ma il dolore di una madre merita rispetto. Ed esige il silenzio.

Una comprensione più grande delle cose, insieme alla pietas e alla dignità di un popolo ferito.

👉 Venite, vi porto di là. Sette racconti per anime sensibili
è su Amazon (ebook e libro di carta)
👉 clicca qui per leggerlo

CHI SONO

Mi chiamo Maria Amata Di Lorenzo e sono un’autrice di romanzi e di storie per il teatro e il cinema. Ho scritto anche biografie, testi di saggistica e poesie. I miei libri fino a oggi sono stati tradotti in numerose lingue: inglese, francese, portoghese, spagnolo, polacco, turco, ceco e sloveno.

Ho lavorato per più di vent’anni come giornalista e come autrice e consulente editoriale, e ho diretto corsi di scrittura creativa. Laureata in Lettere Moderne, dopo aver studiato presso la Scuola di Giornalismo di Urbino, mi sono specializzata in Marketing e Comunicazione e successivamente ho approfondito il campo della cosiddetta “relazione d’aiuto”, studiando psicologia e counseling, medicina naturale, psicobiologia e psicosomatica, arteterapia e scrittura creativa.

Mi occupo di spiritualità e crescita personale integrale. Per regalare alla tua anima spazi di riflessione e di bellezza ho aperto il mio blog: si chiama “Il posto delle anime sensibili”. Ho aperto questo luogo nel web per costruire ponti di amicizia, e per questo ho voluto creare anche la mia newsletter: ti accompagnerà lungo il cammino – bello e difficile – della vita con piccoli semi di felicità, consigli, novità, riflessioni sempre in punta di penna. Ti iscrivi qui.