Un re fu battuto a scacchi

scacchi

*

di MARIA AMATA DI LORENZO

*

*

“Esistono molte cose nella vita che catturano lo sguardo, ma solo poche catturano il tuo cuore: segui quelle.” (W. Churchill) 

*

Un re fu battuto a scacchi da un suddito e allora gli disse: “Chiedimi quello che vuoi”.

Quello rispose: “Solo un chicco di riso… che raddoppi però a ogni casella della scacchiera”.

Il re pensò tra sé e sé di essersela cavata con poco, però alla fine non bastò tutto il raccolto del regno per quel suddito scaltro.

Che cosa vuol dire?

Credo che ci sia molto da imparare da una storia come questa… ve ne siete accorti?

Non bisogna mai sottovalutare le cose, specie le più minuscole, quasi invisibili, che possono al contrario metterci fuori gioco, in seria difficoltà.

Sono quelle cose che poi ci costringono alla fine ad uscire dalla nostra zona di comfort, da cui noi davvero non usciremmo mai se non accadesse qualcosa che rovescia ogni nostra prospettiva.

Da otto mesi a questa parte è quello che ci sta succedendo.

Lo scontro con questa dura realtà, la pandemia da coronavirus che, a livello collettivo, da un lato ci coinvolge e mina le nostre sicurezze e ridisegna la nostra vita, dall’altro ci permette di crescere, di diventare meno superficiali, di ritornare a dare valore a ciò che veramente ha valore.

Le cose essenziali.

“Le cose che catturano il cuore”, come scriveva Winston Churchill, che poi sono le sole da seguire. Per il nostro vero bene, per la nostra felicità.

Noi che studiamo le stelle e il movimento dei pianeti – mi ci metto anch’io che non sono un’astrologa di professione ma una studiosa di psicologia nel solco di Jung -, noi tutti avevamo visto che il 2020 sarebbe stato un anno di grandi cambiamenti e che avrebbe fatto da spartiacque fra il vecchio e il nuovo.

Un anno necessario, anche se molto duro.

Necessario per evolvere, per lasciare vecchi schemi di pensiero e di comportamento.

Tante persone, mi accorgo, sembrano invece aver perso l’uso della ragione e si muovono egoisticamente seguendo le proprie pulsioni interiori, in un processo di negazione della realtà che evidenzia una profonda immaturità emotiva.

Ma in questo momento quello che ci accade invece ci vuole dire un’altra cosa, una cosa importante: ci vuole dire che noi abbiamo bisogno di riflettere sul senso della vita, e di capire che siamo tutti legati, gli uni agli altri.

E, di conseguenza, non possiamo pensare solo in modo egoico e superficiale (il nostro godimento, quello che a noi piace) ma sarebbe bene sviluppare un vero, autentico senso spirituale che ci aiuti a modificare le nostre priorità per comprendere fino in fondo il mistero della vita che ci è donata, giorno dopo giorno.

E che non è affatto scontata: è un miracolo. Ma ci pensate?

****

CHI SONO

Mi chiamo Maria Amata Di Lorenzo e insegno alle anime sensibili ad essere se stesse e ad esprimersi nella vita, senza paura.

Autrice di opere per radio, cinema e teatro, e di libri diffusi fino ad oggi in otto lingue, ho lavorato per oltre vent’anni come giornalista e come autrice e consulente editoriale, e ho diretto corsi di scrittura creativa. Ma ho desiderato anche prepararmi per divenire una professionista della relazione d’aiuto: ho studiato psicologia e counseling, naturopatia e life coaching a indirizzo psicobiologico, mentre attualmente sto perfezionandomi in psicologia applicata all’analisi del tema natale e in terapie naturali associate alla creatività.

Essere una persona sensibile e un’artista ha portato molta sofferenza nella mia vita per le incomprensioni e i rifiuti, e per questo oggi mi piace aiutare le anime sensibili e creative ad esprimere se stesse, con coraggio e senza paura.

Amo creare storie da raccontare con le parole e con le immagini. Mi interesso del potere trasformativo e terapeutico della creatività e di sviluppo personale, intuizione e spiritualità. Fin da bambina studio il movimento degli astri in chiave psicologica e mi appassionano i segreti racchiusi nell’aldilà.

Per regalare alla tua anima spazi di riflessione e di bellezza ho aperto il mio blog: si chiama “Il posto delle anime sensibili”. Ho aperto questo luogo nel web per costruire ponti di amicizia, e per questo ho voluto creare anche la mia newsletter: ti accompagnerà lungo il cammino – bello e difficile – della vita con piccoli semi di felicità, consigli, novità, riflessioni sempre in punta di penna.