Non è un gioco, ma la tua vita

 

di MARIA AMATA DI LORENZO

 

Una delle cose più belle della vita è che si può sempre ricominciare. Si può sempre riprendere il cammino. E non importa quanti anni hai, e che cosa nel frattempo ti è successo nella vita, quale disastro, quale cataclisma. Tu hai le carte, tutte, nella tua mano. Solo che non è un gioco, ma la tua vita.

Invece mi capita di sentire spesso: mah, questo non è possibile, oramai… non credo proprio che si possa fare, ormai è tardi, e poi io, io nella vita sono sfortunato!

L’hai sentita anche tu la storiella della “sfortuna”?

Io ci sono cresciuta con questa storiella, fin da bambina, me l’hanno data da mangiare e da bere a pranzo e a cena, fino a che, da adulta, ho capito alla fine, e finalmente, che la sfortuna non esiste, e che il potere è tutto nelle nostre mani.

La vita è nelle nostre mani, e pensare invece che sia la fortuna o la sfortuna a muovere gli scacchi della nostra esistenza significa rinunciare al nostro potere personale.

Per darlo in mano a chi? A qualcosa di “esterno”, a una specie di dea bendata, mutevole e capricciosa, su cui non abbiamo nessun ascendente, nessun controllo, nessun potere.

Questo forse non lo sai ma significa deresponsabilizzarsi.

Significa rinunciare alla vita, in definitiva. La vita si ripiega in un angolo, si demanda il proprio potere di cambiare le cose ad altri: la propria moglie o marito, la mamma, il capo-ufficio, il biglietto – che si spera sempre vincente – della lotteria, rinunciando ad agire in prima persona, tanto c’è sempre la fortuna/sfortuna a decidere per noi.

Questo è un modo di ragionare, purtroppo, molto diffuso.

Forse anche a te hanno insegnato le stesse cose, forse le hai sentite ripetere continuamente intorno a te, dai tuoi familiari, dai tuoi amici, nel tuo ambiente di lavoro, nei programmi televisivi.

E l’hai pensato, e hai incorporato e rafforzato questo pensiero dentro di te ogni volta che un affare nella tua vita è andato storto, una storia di soldi, di lavoro. O l’amore, che non hai mai avuto o che hai perduto, un giorno, al tavolo di una bizzarra roulette. Come una partita di scacchi andata male, dove tu hai perso e sei tornato a casa con un senso atroce di sconfitta nel petto.

Era sfortuna quella? Era il destino “cinico e baro”?

Prova a vedere le cose da un altro punto di vista. Questo è un discorso che mette in campo il concetto di responsabilità.

E la responsabilità ha una sorta di sorella gemella: si chiama consapevolezza.

Tutte e due insieme costruiscono un essere umano adulto, cioè maturo, non più bambino, non più impaurito dal fato, dalla fortuna/sfortuna girovaga e mutevole.

Quando si riflette sulla propria vita, quando a poco a poco si acquista consapevolezza e ci si assume per intero la responsabilità, allora le cose cambiano.

Si aprono porte là dove prima c’erano solo muri, e belli alti.

Si può ricominciare.

Anche a quaranta, cinquanta, sessanta e più anni. Perché il tempo non esiste, lo abbiamo inventato noi. Esiste solo la nostra volontà.

Ti auguro di possedere, con luminosa forza e con immensa certezza, questa volontà.

E se ti fa piacere, commenta questo post con i tuoi pensieri su questa pagina.

Dimmi che cosa ti trattiene dall’essere la migliore versione di te stesso. E se è la paura, tu non l’ascoltare. Fai il primo passo.

Fidati, solo il primo passo conta.

CHI SONO

Mi chiamo Maria Amata Di Lorenzo e sono un’autrice di romanzi e di storie per il teatro e il cinema. Ho scritto anche biografie, testi di saggistica e poesie. I miei libri fino a oggi sono stati tradotti in numerose lingue: inglese, francese, portoghese, spagnolo, polacco, turco, ceco e sloveno.

Ho lavorato per più di vent’anni come giornalista e come autrice e consulente editoriale, e ho diretto corsi di scrittura creativa. Laureata in Lettere Moderne, dopo aver studiato presso la Scuola di Giornalismo di Urbino, mi sono specializzata in Marketing e Comunicazione e successivamente ho approfondito il campo della cosiddetta “relazione d’aiuto”, studiando psicologia e counseling, medicina naturale, psicobiologia e psicosomatica, arteterapia e scrittura creativa.

Mi occupo di spiritualità e crescita personale integrale. Per regalare alla tua anima spazi di riflessione e di bellezza ho aperto il mio blog: si chiama “Il posto delle anime sensibili”. Ho aperto questo luogo nel web per costruire ponti di amicizia, e per questo ho voluto creare anche la mia newsletter: ti accompagnerà lungo il cammino – bello e difficile – della vita con piccoli semi di felicità, consigli, novità, riflessioni sempre in punta di penna. Ti iscrivi qui.

Non siamo isole

*

di MARIA AMATA DI LORENZO

 

Nella vita facciamo sovente delle cose senza pensare troppo alle conseguenze. Vi suona familiare?

Questo succede sia nelle cose cattive, quando ci ficchiamo in qualche guaio, di tanto in tanto, e sia nelle cose che invece sono buone, tanto buone da non vedere la loro effettiva bontà, l’utilità, il servizio.

A me è successo, e succede, molte volte. Per esempio, quando ricevo dei messaggi di gratitudine da parte dei lettori dei miei libri. Questo perché nel momento in cui scrivo non sono consapevole dell’utilità che può avere, non so se qualcuno leggerà il mio testo, se farà del bene alla sua vita, se gli porterà ispirazione o pace…

Poi quando mi arriva un messaggio da una mamma che ha perso un figlio di trent’anni per leucemia e ha trovato nel computer del ragazzo delle pagine salvate dai miei testi, molto amate e lette, fino ad essere custodite nella memoria del suo pc. Una madre che ha perso tutto, ma ritrova suo figlio nelle cose che lui amava, nella sua sensibilità che gli faceva prediligere le mie riflessioni, conservate nel tempo…

Ecco, io nel ricevere queste confidenze qualche giorno fa mi sono fermata, quasi senza fiato, e di colpo ho capito quanto bene che neppure conosco posso fare con le mie parole (ma anche quanto male), e ne sento tutta la responsabilità e l’impegno.

Perché la verità è che ogni cosa che noi facciamo o diciamo nella vita ha delle profonde ricadute nel mondo esterno, intorno a noi.

Non siamo isole.

Noi siamo tutti legati, collegati gli uni agli altri, ed è una sciocchezza sentirsi separati, divisi, come figli non di un stesso Padre.

Il soffio di una foglia arriva molto lontano, può arrivare all’altro capo del mondo, come il battito d’ali di una farfalla.

Ne siamo consapevoli?

CHI SONO

Mi chiamo Maria Amata Di Lorenzo e sono un’autrice di romanzi e di storie per il teatro e il cinema. Ho scritto anche biografie, testi di saggistica e poesie. I miei libri fino a oggi sono stati tradotti in numerose lingue: inglese, francese, portoghese, spagnolo, polacco, turco, ceco e sloveno.

Ho lavorato per più di vent’anni come giornalista e come autrice e consulente editoriale, e ho diretto corsi di scrittura creativa. Laureata in Lettere Moderne, dopo aver studiato presso la Scuola di Giornalismo di Urbino, mi sono specializzata in Marketing e Comunicazione e successivamente ho approfondito il campo della cosiddetta “relazione d’aiuto”, studiando psicologia e counseling, medicina naturale, psicobiologia e psicosomatica, arteterapia e scrittura creativa.

Mi occupo di spiritualità e crescita personale integrale. Per regalare alla tua anima spazi di riflessione e di bellezza ho aperto il mio blog: si chiama “Il posto delle anime sensibili”. Ho aperto questo luogo nel web per costruire ponti di amicizia, e per questo ho voluto creare anche la mia newsletter: ti accompagnerà lungo il cammino – bello e difficile – della vita con piccoli semi di felicità, consigli, novità, riflessioni sempre in punta di penna. Ti iscrivi qui.