scrittura come medicina

di MARIA AMATA DI LORENZO

 

Da diversi anni a questa parte ricevo frequentemente delle richieste di questo tipo: che cosa si deve fare per pubblicare un libro?

Me lo chiedono assai spesso delle persone che non hanno nulla a che fare col mestiere di scrivere e col mondo editoriale. E se io domando a ciascuno di loro: perché vuoi farlo? perché vuoi pubblicare il tuo libro? La risposta invariabilmente è: perché voglio raccontare la mia vita, mi sono successe tante cose, difficili, dolorose, incredibili, e voglio dirle attraverso un libro.

Comprendo perfettamente questo tipo di molla interiore che muove un simile desiderio, però il concetto di fondo è sbagliato.

Si scrive innanzitutto per sé, non in vista di una pubblicazione. Non si decide a tavolino di diventare uno scrittore, una scrittrice: si è posseduti dalla scrittura, non il contrario.

E c’è una cosa ancora più importante: la scrittura ha una funzione terapeutica, è una catarsi, si libera il cuore, la mente, si riflette sul proprio passato e lo si comprende, dopo aver scritto ci si sente più leggeri, felici come dopo una corsa a perdifiato sulla sabbia bagnata del mare…

È una cosa che perciò consiglio a tutti quanti, a te per primo che mi stai leggendo: prendi un quaderno e una penna e comincia.

È meglio scrivere a mano piuttosto che al computer perché il pensiero sulla carta fluisce lentamente, con più nitidezza e profondità.

Lo faccio anche io, tutti i giorni, e le cose che scrivo le tengo per me, mica le faccio leggere agli editori, esse sono soltanto mie, sono cose che mi aiutano a vivere e a capire la vita con i suoi misteri e le sue complessità.

La scrittura, infatti, opera a un livello molto profondo di chiarificazione interiore. È una medicina molto efficace per il nostro spirito.

 

 

Come scrivo in questo post, mettere sulla carta i propri pensieri e le proprie emozioni dà una grande soddisfazione, un appagamento di tipo interiore, molto intimo, che resta a lungo nelle profondità del nostro cuore.

Poi a volte succede, come nel mio caso, di voler condividere con gli altri quanto si è scritto ed allora nascono i libri che vengono dati alle stampe. Come la mia ultima opera, che è appena uscita in tutte le librerie Amazon. È un libro di racconti: Venite, vi porto di là. Il sottotitolo dice che sono “sette racconti per anime sensibili”.

Ci sei anche tu fra queste anime sensibili?

Allora ricevi l’anteprima gratuita del libro.

Un ebook illustrato a colori (in formato pdf) arriverà nella tua casella di posta come mio regalo del cuore per te.

 

Compila il form qui sotto

e con l’iscrizione alla Newsletter

riceverai l’ANTEPRIMA GRATUITA

del nuovo libro:

*

***

CHI SONO

Mi chiamo Maria Amata Di Lorenzo. Sono una scrittrice di libri diffusi fino ad oggi in nove lingue e di opere per la radio, il cinema e il teatro; ho lavorato per più di vent’anni come giornalista e come autrice e consulente editoriale, e ho diretto corsi di scrittura creativa. Ma ho desiderato anche prepararmi per divenire una professionista nella relazione d’aiuto: ho studiato psicologia e counseling, naturopatia, medicina energetica e life coaching a indirizzo psicobiologico. Mi piace aiutare le persone a scoprire e a mettere in pratica il loro potenziale creativo e la saggezza interiore, per la loro crescita personale e il benessere, la guarigione e l’autorealizzazione.

Amo creare storie da raccontare con le parole e con le immagini. Hai letto qualcuna delle mie opere? Io le chiamo le “opere del mio cuore“, perché sono libri che nascono dalla mia anima. Le mie storie raccontano sentimenti profondi, che rispecchiano la mia anima e pongono interrogativi sul mistero della vita e dell’amore.

Per regalare alla tua anima spazi di riflessione e di bellezza ho aperto il mio blog: si chiama “Il posto delle anime sensibili”. Ho aperto questo luogo nel web per costruire ponti di amicizia, e per questo ho voluto creare anche la mia newsletter: ti accompagnerà lungo il cammino – bello e difficile – della vita con piccoli semi di felicità, consigli, novità, riflessioni sempre in punta di penna. Ti iscrivi qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *