La mia vita a Nazareth

*
“Preferisco parlare delle cose semplici di quella mia vita, i giorni sereni e quelle albe rosate che vedevo dalla finestrella. Mi alzavo sempre molto presto. L’alba parlava alla mia anima con le sue ultime stelline. E guardavo la natura, ringraziando il Creatore. E mio figlio-Dio dormiva nella sua culla di legno. Ho vissuta la più grande realtà, l’unica. E anche voi di riflesso potete viverla, meditando la nostra vita, la nostra storia…” (La mia vita a Nazareth) 
*

 

Oggi vi racconto una storia bellissima. Anche se l’inizio è un po’ triste. Sì, perché tutto comincia in un giorno di fine settembre di tanti anni fa quando un ragazzo di soli 20 anni muore. Si chiama Armando e la sua perdita strazia la madre Giuliana in modo inconsolabile. Succede che qualche tempo dopo Armando si fa vivo con lei, ma invece di crederci Giuliana corre dallo psichiatra, nella convinzione di essere diventata pazza. I morti possono tornare? Possono parlare con noi? Questo non succede che di rado, e sempre per un volere di Dio, per uno scopo più alto.

Siccome Giuliana rifiuta di credere che suo figlio è tornato per dirle quanto è felice in Cielo e per consolarla, riceverà da Dio un ulteriore dono. A partire da quel giorno e per molti anni fino alla sua morte, avvenuta a Roma nel 2003, verranno dall’aldilà per lei poeti, musicisti, santi, mistici, il suo stesso angelo custode e altri angeli, tutti per raccontarle qualcosa della vita che si vive in quello che noi siamo soliti chiamare aldilà e che gli angeli invece chiamano Armonia, mentre la Beata Vergine Maria chiama sempre il Regno.

Sì, perché a partire dal 1973 anche la Madonna inizierà un dialogo con lei, per raccontarle tutta la sua vita, per spiegarle i misteri del Regno di Dio, così come anche Gesù aveva cominciato a fare con lei, Giuliana, qualche anno prima. La mia vita a Nazareth è il libro che contiene questi racconti e che io non mi stanco di leggere, perché dentro vi ho trovato quello che nessun libro mi ha mai rivelato e spiegato con tanta chiarezza. Perché ci sono tanti punti poco chiari nella religione, punti un po’ oscuri che scoraggiano, per cui tanti uomini e donne se ne tengono lontani, non arrivando a capirli fino in fondo e non trovando nessuna spiegazione logica, convincente, specialmente oggi come oggi che si desidera spaccare il capello in quattro ed avere prove certe e scientifiche di ogni cosa.

Giuliana è stata visitata negli anni da stuoli di psichiatri, interrogata anche in Vaticano. Non è stato trovato nulla di strano o di anormale in lei. Era sanissima di mente ed assolutamente non in grado di scrivere da sola certe cose, specie quando lei riferisce pensieri dottissimi di un S. Tommaso d’Aquino o altri finissimi teologi, concetti di cui lei non capiva niente, avendo fatto solo pochissimi anni di scuola, come succedeva a tanti della sua generazione, che erano analfabeti o al massimo arrivavano alla quinta elementare.

Ho conosciuto Giuliana grazie ad una nostra amica comune, l’ho conosciuta attraverso i racconti di questa mia amica perché Giuliana nel frattempo era morta, e questa mia amica – che ha intrattenuto con lei una lunghissima amicizia – mi ha raccontato molto di lei, del suo carattere, che era alieno da ogni fantasia misticheggiante ed anche molto quadrato, molto “terra terra”. In lei non c’era nessuna esaltazione, e anche nessuna voglia di apparire, di farsi un nome, di avere pubblicità. Infatti, ha condotto tutta la sua vita praticamente nell’anonimato e veramente in pochi l’hanno conosciuta.

Quando poi voi, lettori, vi mettete a leggere quello che lei nel corso degli anni ha scritto sotto dettatura (tutta roba che non era “farina del suo sacco”), allora sentite dentro di voi che è tutto vero, che è tutto assolutamente vero.

Vi consiglio perciò se volete fare un regalo a voi stessi, alla vostra anima, questo libro: La mia vita a Nazareth, a cura di Giuliana Buttini, Edizioni Segno. È un libro che consiglio per l’altissima spiritualità, per la pace che dona al cuore, per le risposte chiare e profonde che fa scaturire dentro di noi. Non resterete delusi dalla lettura, vi si aprirà un mondo, così come si è aperto a me, che pure credevo di sapere tante cose sulla religione e sulla vita spirituale…

Carissimi amici, ho voluto condividere con voi una storia bellissima, su cui non devo aggiungere altro, perché quando leggerete quelle pagine capirete molte cose, le capirete in modo semplice ed entusiasmante. Capirete il grande progetto di Dio su di noi. Capirete il senso della vita ed il senso di tutto.

Vi saluto con grande affetto e vi ringrazio per la vostra affettuosa attenzione.

Un abbraccio dalla vostra amica,

CHI SONO

Mi chiamo Maria Amata Di Lorenzo. Scrittrice per vocazione, terapeuta per formazione, mi piace definirmi una giardiniera dell’anima.

Le mie passioni fin da bambina sono state la psicologia e le stelle e i misteri racchiusi nell’aldilà, perché ho avvertito molto precocemente dentro di me il desiderio profondo di andare oltre il velo superficiale delle cose e di comprendere in tutta la sua misteriosa complessità la vita.

Sono un’autrice di libri editi fino a oggi in nove lingue e di testi per la radio, il cinema e il teatro. Ho lavorato per più di vent’anni come giornalista e come autrice e consulente editoriale, e ho diretto corsi di scrittura creativa. Laureata in Lettere Moderne, dopo aver studiato presso la Scuola di Giornalismo di Urbino, mi sono specializzata in Marketing e Comunicazione e successivamente ho approfondito il campo della cosiddetta “relazione d’aiuto”, studiando psicologia e counseling, medicina naturale, psicobiologia e psicosomatica, arteterapia e scrittura creativa.   

Mi occupo di spiritualità, benessere e crescita personale integrale, e mi interesso del potere trasformativo e terapeutico della creatività. Insegno alle persone a scoprire e a mettere in pratica il loro potenziale creativo e la saggezza interiore, per la propria crescita spirituale e il benessere, la guarigione e l’autorealizzazione.

Essere una persona sensibile e un’artista ha portato molta sofferenza nella mia vita per le incomprensioni e i rifiuti, e per questo oggi mi piace aiutare gli altri a vivere e ad esprimere se stessi con tutta l’intensità del loro cuore.

Come autrice amo creare storie da raccontare con le parole e con le immagini. Le mie storie raccontano sentimenti profondi, che rispecchiano la mia anima e pongono interrogativi sul mistero della vita e dell’amore. Conosci le mie opere

Negli ultimi anni ho scritto e pubblicato: un’opera di narrativa, Venite, vi porto di là (sette racconti per anime sensibili), nel 2021, la plaquette di versi  Il tempo che oggi ti dorme nel cuore (2015), il volume di poesie Scrivo le mie lettere al lupo (2022) e il saggio letterario (in uscita sempre nel 2022) Nella rosa nella spina – L’itinerario poetico di Elio Fiore, dedicato a uno dei poeti più significativi della seconda metà del Novecento. Ho inoltre scritto e pubblicato nove volumi di biografie spirituali, diverse delle quali sono tradotte e diffuse in 18 Paesi nel mondo. Miei testi in questi anni sono stati pubblicati anche in riviste letterarie, volumi collettivi, antologie.

Per regalare alla tua anima spazi di riflessione e di bellezza ho aperto il mio blog: si chiama “Il posto delle anime sensibili”. Ho aperto questo luogo nel web per costruire ponti di amicizia, e per questo ho voluto creare anche la mia newsletter: ti accompagnerà lungo il cammino – bello e difficile – della vita con piccoli semi di felicità, consigli, novità, riflessioni sempre in punta di penna. Ti iscrivi qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.